di Vincenzo Santoro, Itinerarti Edizioni 2019

La prima uscita della nuova casa editrice Itinerarti Edizioni, il nuovo libro di Vincenzo Santoro, Rito e Passione. Conversazioni intorno alla musica popolare salentina, sarà presentato in anteprima il 17 maggio alle ore 21 nella serata inaugurale del festival Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto presso Palazzo Comi a Lucugnano.

A 10 anni dalla pubblicazione di Il ritorno della Taranta. Storia della rinascita della musica popolare salentina, l’autore torna sui temi della conoscenza e dell’interpretazione critica del “movimento della pizzica”, analizzando le modalità con cui questo singolare fenomeno cultural-musicale si è evoluto negli ultimi anni, nella dialettica mai risolta fra spinte dal basso e intervento istituzionale, che è una delle caratteristiche principali del caso salentino. Senza dimenticare di dare l’attenzione dovuta alle tantissime produzioni di libri, cd, dvd, film, fumetti in vario modo collegate al movimento, che continuano a fare della terra fra due mari un luogo di elaborazione culturale di grande interesse.

Il “rinascimento” musicale salentino, la controversa patrimonializzazione del tarantismo, le forme spettacolari e il retaggio di riti tradizionali, le esperienze appassionate maturate nella dialettica mai risolta fra spinte dal basso e intervento istituzionale, sono alcune delle tracce attraverso cui leggere le vicende che hanno percorso in questi anni recenti un territorio diventato meta di crescenti folle di turisti, laboratorio a cielo aperto di esclusive politiche culturali e complesso cantiere della memoria.

Con la dovuta attenzione alla pluralità di sguardi che la terra tra i due mari non finisce di attrarre, le riflessioni sul “movimento” salentino sono condotte anche attraverso le testimonianze, per vari aspetti esemplari, di alcuni suoi protagonisti, quali Brizio Montinaro, Giovanni Pellegrino, Maurizio Nocera, Luigi Lezzi, Donatello Pisanello, Franco Tommasi, Roberto Raheli, Edoardo Winspeare, Gino Di Mitri, Sergio Torsello, Mauro Durante, Antonio Castrignanò, Maristella Martella.